Al tribunale di Foggia costretti a lavorare al caldo: impianto di condizionamento rotto

Impianto di  condizionamento rotto e, da qualche giorno, nelle aule e negli uffici del tribunale di Foggia si lavora al caldo torrido, senza aria condizionata. Una situazione destinata a durare nel tempo visto che il costo per la riparazione è quasi come quello per l’acquisto di un nuovo impianto. Così è partito l’iter per l’acquisto del nuovo impianto che però arriverà solo dopo l’estate. “Nel frattempo – ci dice uno degli impiegati del Palazzo di Giustizia di Foggia – ci stiamo organizzando alla meglio. Con ventilatori personali negli uffici”.  Caldo anche nelle aule del tribunale e così l’ordine forense di Foggia, come ha confermato  il presidente l’avvocato Gianluca Ursitti, è intenzionato a chiedere al presidente del tribunale, Antonio Civita la riduzione del numero delle udienze per limitare l’accesso di persone. Per il caldo negli uffici è stato anche proposto ai dipendenti una deroga al normale orario di servizio, chiedendo loro di recarsi nei locali in orario “ante meridiano o pomeridiano”.  “Una proposta – continua l’impiegato – che però non risolve del tutto il problema, poiché in quegli orari gli uffici continueranno ad essere lo stesso molto caldi”.

Condividi sui Social!