Beppe Severgnini ospite dell’Università di Foggia

Prosegue il ciclo di incontri letterari promosso e organizzato dall’Università di Foggia in collaborazione con la libreria Ubik. Dopo Serena Dandini, sarà la volta del giornalista e scrittore Beppe Severgnini, editorialista e vicedirettore del Corriere della Sera che presenterà il suo ultimo libro “Neoitaliani”, edito da Rizzoli. L’appuntamento è per giovedì 15 aprile alle ore 17, in streaming sulla piattaforma e-learning dell’Università di Foggia e in contemporanea sulle pagine Facebook di Ubik Foggia e Unifg. A dialogare con l’autore ci saranno il Magnifico Rettore dell’Università di Foggia Pierpaolo Limone e la docente Rossella Palmieri, docente di Letteratura italiana e Delegata alla Comunicazione e ai rapporti con il territorio. “La pandemia è una macchina della verità, non soltanto ci ha rivelato chi siamo ma ci ha anche consentito di pensare a chi potremmo essere”, ha detto l’autore parlando del suo ultimo libro. Con “Neoitaliani”, infatti, Severgnini torna a raccontare i connazionali a 15 anni dall’uscita de “La testa degli italiani” (Rizzoli 2005), il suo saggio tradotto in tutto il mondo, mettendo in evidenza i decisivi cambiamenti imposti dal virus dopo la primavera del 2020 e molti altri che erano già in atto. Nel corso della sua carriera di scrittore Severgnini ha descritto pregi, difetti e peculiarità degli italiani, tracciando una sorta di identikit tra il serio e il faceto con toni, come ha sottolineato lui stesso, sempre onesti e affettuosi.

 

Condividi sui Social!