Bufera su Scalfarotto: visita ai due imputati per l’omicidio del carabiniere

È bufera su Ivan Scalfarotto, il parlamentare foggiano che due giorni fa si è recato presso il carcere di Regina Coeli “a verificare le condizioni” dei due imputati americani dell’omicidio del carabinieri Cerciello Rega. L’iniziativa, nata dopo la pubblicazione della foto che ritraeva uno dei due ragazzi bendato all’interno dei locali della polizia, ha fatto tanto clamore suscitando polemiche. Non solo, comprensibilmente, a destra; ma anche nello stesso PD il coro del disappunto è cresciuto in maniera esponenziale.

Istantaneo l’affondo del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Il PD va in carcere a verificare che il criminale americano non sia stato maltrattato…
Non ho parole!”. A prendere le distanze da Scalfarotto, scaricandolo nei fatti, è anche il segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti: “Quella di Ivan Scalfarotto è una sua iniziativa personale. Rientra nelle sue prerogative di parlamentare ma ripeto è una sua iniziativa non fatta a nome del Pd”.

Sempre tra i dem, l’irritazione è palpabile: “”È il caldo. Spero che sia il caldo. Perché tra Gozi ieri e Scalfarotto oggi vi giuro che stiamo raggiungendo vette di stupidità mai prima conquistate nella politica contemporanea” ha commentato l’ex ministro Carlo Calenda.

 

 

 

Condividi sui Social!