Carapelle: violenze in un asilo. Indagate 4 maestre

Avviso di conclusione delle indagini per quattro maestre di un asilo di Carapelle  indagate dalla procura di Foggia per maltrattamenti ad alcuni alunni dell’istituto. , Si tratta di due di Foggia una di Orta Nova e una di Stornarella. Dodici bambini, tra i 3 e i 4 anni, le presunte vittime delle maestre. Violenze, si legge nel provvedimento del magistrato, sia fisiche che psicologiche che sarebbe andate avanti dall’ottobre del 2018 all’aprile del 2019. Violenze accertate dalla procura e dai carabinieri che avevano piazzato anche delle telecamere nascoste all’interno delle classi dell’asilo. Secondo quanto emerso dalle indagini alcune delle maestre con “condotte reiterate, sottoponeva abitualmente i minori ad atti di violenza fisica consistiti in strattoni, schiaffi, spinte, colpi sulle braccia, colpi sulla testa, sculacciate: talvolta li sollevava di peso dalle braccia, li sottoponeva inoltre abitualmente a reiterati atti di violenza morale”.  “I fatti – ha dichiarato l’avvocato Michele Sodrio, difensore dei genitori di uno dei bambini vittime delle violenze –  sono di gravità inaudita, anche perché dimostrano l’esistenza di un vero e proprio abuso sistematico in danno dei bambini, da parte di ben quattro cosiddette ‘maestre’. Quello si può ben definire l’asilo degli orrori e mi sorprende e mi fa arrabbiare che si sia giunti alla conclusione delle indagini, senza l’adozione di un provvedimento cautelare contro le indagate, dato che gli elementi di prova a loro carico sono schiaccianti. Il piccolo di 3 anni, i cui genitori io rappresento, è stato sottoposto a violenze fisiche e psicologiche terribili, addirittura in più di un’occasione tornò a casa dopo l’asilo con le orecchie sanguinanti. I danni alla salute psichica del bambino sono gravissimi e di questo chiamerò a rispondere anche il ministero dell’istruzione, quale responsabile civile per i risarcimenti. Ora si proceda in tempi rapidi al processo, che questi poveri bambini e le loro famiglie abbiano giustizia al più presto”.

Condividi sui Social!