De Sabato: “Infondata la tesi di Mainiero. Impossibile sciogliere il Consiglio Comunale con sole 12 dimissioni”

Un’osservazione imprecisa e fuorviante ha generato un clima di confusione che è bene chiarire sulla base di un parere legale e non di semplici interpretazioni o punti di vista altrui. La delicata fase politica impone un’attenta valutazione degli eventi e non prese di posizione avventate, utili solo per qualcuno a cavalcare l’onda populista e riabilitare le proprie ambizioni personali bocciate dagli elettori foggiani. Il problema di Foggia non è quello che fanno le minoranze consiliari ma la cloaca della maggioranza. Come si evince dal parere legale dell’Avv. Pasquale Morelli che ringrazio per la prontezza e la chiarezza, ne “consegue che lo scenario ad oggi emerso dalle dinamiche dimissionarie dei consiglieri del Comune di Foggia, sia esse già rassegnate sia in procinto di essere espresse, manifestano i connotati di una ipotesi mista, laddove il susseguirsi di individuali dimissioni, allo stato, porterebbe in astratto alla surroga dei dimissionari, e non allo scioglimento ex art. 141 tuel, con inevitabili ripercussioni sull’azione amministrativa e politica, quindi un’ipotesi di diversa paralisi delle funzioni consiliari” A questo parere si giunge dopo aver consultato anche altro influente Segretario Comunale la cui valutazione ricalca espressamente il parere di cui sopra. Pertanto alla luce di queste considerazioni oggettive basate sui fatti, ritengo dover continuare la mia azione all’interno di un processo chiaramente politico teso a stigmatizzare la gravità dell’assenza delle dimissioni da parte dei consiglieri comunali di maggioranza, che se da una parte dichiarano conclusa questa esperienza amministrativa dall’altra la tengono in vita con atteggiamenti ambigui eludendo una chiara e precisa volontà popolare di giungere al più presto allo scioglimento del Consiglio Comunale e scrivere definitivamente la parola fine a questa triste storia.

NON SI FA QUELLO CHE SI DICE.

Foggia saprà reagire e superare anche questo difficile momento voltando definitivamente pagina.

L’amministrazione Landella è peggio di un crimine , è un errore.

Condividi sui Social!