Giro d’Italia, a rischio la tappa di Vieste. Botta e risposta Gatta-Nobiletti

LA NOTA DELLA PROVINCIA

La tappa Giovinazzo-Vieste del prossimo Giro d’Italia in programma domenica 17 maggio è a forte rischio a causa della viabilità malridotta.

Il presidente della Provincia di Foggia, Nicola Gatta con una nota inviata agli organizzatori del giro d’Italia, alla Regione Puglia e alla Prefettura di Foggia,  ha comunicato che le strade provinciali interessate dalla tappa del 17 maggio, Giovinazzo-Vieste (sp 141 delle saline tra Zapponeta e Manfredonia; sp 55 Macchia-Monte S. Angelo; sp 53 Mattinata-Vieste e sp 54 Campi-Pugnochiuso-Coppa Santa Tecla), sono caratterizzate da notevoli criticità, e pertanto non ci sono i presupposti per il rilascio del nulla osta per lo svolgimento della tappa, in quanto è necessario prima effettuare lavori urgenti ed indifferibili per ripristino del piano viabile. Per fare questi lavori occorrono coperture finanziarie che l’Ente Provincia non dispone.   Da una prima stima ci vogliono oltre 2 milioni di euro per la realizzazione di interventi urgenti per il ripristino  del piano viabile  delle suddette strade. “Purtroppo – ha scritto nella nota il presidente Gatta – la sciagurata Legge di riforma delle Province, ha privato questo ente di tutte quelle risorse necessarie per effettuare una adeguata manutenzione della rete viaria”. Gatta, però, non vuole che la manifestazione sportiva venga annullata e chiede aiuto alla Regione. “Questo è per l’intera Capitanata, una grande opportunità con un rilevante ritorno di immagine per il nostro territorio in termini sportivi, turistici ed economici, e la circostanza che la stessa non possa essere autorizzata per mancata disponibilità delle risorse finanziarie sarebbe una sconfitta per tutta la provincia di Foggia”. La questione andrebbe affrontata con urgenza, perché in assenza  di interventi concreti sulle strade interessate, l’organizzazione della corsa a tappe potrebbe decidere per un cambio del tracciato.

LA REPLICA DEL SINDACO DI VIESTE

Il mancato nulla osta della Provincia di Foggia al passaggio del Giro d’Italia sulle strade della Capitanata a causa delle pessime condizioni della rete viaria, ha fatto arrabbiare il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, che ha immediatamente risposto al presidente della Provincia, Nicola Gatta. “Ho appreso con molto dispiacere l’iniziativa del Presidente della Provincia, Nicola Gatta, che in maniera del tutto improvvida, senza avvisare e coinvolgere Prefettura, Regione e Comuni interessati dal passaggio del Giro, ha comunicato alla direzione  corsa il suo diniego al passaggio della corsa a tappe. Trincerarsi dietro il solito  “non abbiamo soldi” è assolutamente pretestuoso e non rende onore ad  una Provincia importante come quella di Foggia. È ormai chiaro che i fondi provinciali hanno assunto una destinazione vincolata verso i Monti Dauni, ma dimenticare il resto della Provincia ed il Gargano è un errore strategico che un Presidente della Provincia accorto non può commettere. Il danno d’immagine e di credibilità sarebbe enorme non solo per il territorio ma principalmente per la stessa istituzione provinciale. Solo tre anni fa il giro passava sulle stesse strade che oggi sarebbero non idonee. C’è qualcosa che non torna. Caro Presidente ricordati che le strade provinciali che oggi hai dichiarato non sicure sono le strade che i tuoi cittadini e turisti percorrono quotidianamente, sono le strade più trafficate della Puglia. Caro Presidente Gatta ogni tanto volgi il tuo interesse e anche le risorse del tuo bilancio verso il mare”.

Condividi sui Social!