La Guardia di finanza sequestra tre coltivazioni illegali di canapa nelle campagne tra San Nicandro e San Marco

All’esito di specifica attività info-investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, i Finanzieri del Comando Provinciale Foggia hanno individuato e sequestrato tre piantagioni di canapa indiana, per un totale di 4200 piante, site in località “Bosco Rosso”, al confine tra i Comuni di San Nicandro Garganico e San Marco in Lamis (FG). Militari della Tenenza di San Nicandro Garganico, a seguito di prolungate attività di appostamento e osservazione al fine di individuare i responsabili delle illecite coltivazioni, hanno sequestrato tre piantagioni di canapa indiana dislocate, non molto distanti l’una dall’altra, nel territorio comunale ai confini con quello di San Marco in Lamis. I finanzieri, su disposizione della Procura della Repubblica, hanno proceduto ad estirpare le piante – n. 2500 circa del tipo cannabis indica e n. 1700 del tipo cannabis sativa – per la loro successiva distruzione. Erano tutte in fase di piena fioritura, mature per essere sottoposte alla successiva fase di essiccazione che avrebbe reso centinaia di migliaia di dosi da spacciare sulle piazze del Gargano. I mancati guadagni per l’organizzazione criminale sono stimati in circa 2,5 – 3 milioni di euro. Sono tuttora in corso approfondimenti investigativi per individuare i responsabili delle coltivazioni illegali. Il sequestro di queste tre piantagioni, che si aggiungono alle altre sequestrate nelle ultime settimane dalle Forze dell’ordine della capitanata, testimonia come sia ormai consolidata la strategia e la professionalità della criminalità della provincia nel produrre sul territorio questo tipo di pianta, potendo contare su un terreno coltivabile vastissimo, molto vario nella morfologia e nella vegetazione che certamente ne favorisce l’occultamento. Il livello professionale della produzione di cannabis “in casa” è testimoniato anche dalla particolare sistemazione delle piantagioni, generalmente in luoghi impervi e di difficile accesso, spesso nascoste tra la fitta vegetazione che viene disboscata per ricavare al suo interno appezzamenti da destinare alle coltivazioni illecite, lasciando le stesse “coperte” da recinzioni naturali costituite da alberi secolari, felci e altre piante ad alto fusto. Altrettanto sperimentati ed efficienti sono i sistemi di irrigazione adoperati, attrezzati nella maggior parte dei casi con cisterne mimetizzate nella vegetazione o da lunghissime e ramificate tubature per l’irrigazione, così da ottimizzare i tempi di lavoro della manovalanza assoldata dalle organizzazioni criminali. L’attività di servizio riportata testimonia lo sforzo operativo della Guardia di Finanza nel quotidiano controllo del territorio e nella lotta ad ogni forma di guadagno illecito, tra cui la produzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Condividi sui Social!