Piano di ripresa e resilienza trampolino di lancio del Sud. Dibattito ad Accadia

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza del governo rappresenta una grande opportunità di rilancio e sviluppo per il Sud se ci sarà gioco di squadra e una visione costruttiva. E’ l’auspicio che si leva dal confronto, tenuto ad Accadia (Foggia), tra i magnifici rettori di quattro università del Sud, politici e imprenditori nell’ambito della 18^ edizione della consegna della Borsa di studio intitolata a Domenico, Gaetano e Giuliana Salvatore e indetta dalla fondazione Salvatore che si tiene ogni anno nella cittadina dei monti dauni autentica testa di ponte con la Campania e con la cultura partenopea testimoniata dal qualificato parterre degli ospiti presenti. Alla tavola rotonda moderata dal giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno, Massimo Levantaci, hanno preso parte il rettore dell’università Federico II di Napoli, Matteo Lorito, il rettore dell’università degli Studi del Salento, Fabio Pollice, il rettore dell’università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, Lucio D’Alessandro e il prof. Maurizio Margaglione in rappresentanza del rettore dell’università degli studi di Foggia, Pierpaolo Limone.
Al confronto sono intervenuti anche il vicepresidente della Regione Puglia, Raffaele Piemontese, la senatrice componente della commissione Agricoltura di Palazzo Madama, Gisella Naturale, il sindaco di Accadia Agostino De Paolis. In platea anche due ex ministri, Luigi Nicolais e  Gaetano Manfredi, per i quali il Pnnr declinato sulle potenzialità agricole del Sud potrà fornire spunti di innovazione soprattutto riguardo l’aggiornamento tecnologico e sulla transizione al digitale che per il governo rappresenta un passaggio cruciale per migliorare la competitività del sistema Paese. Un miglioramento in termini di sviluppo e innovazione che potrà dare i suoi effetti anche sul piano sociale, come ha sottolineato in apertura il procuratore capo della Repubblica di Foggia, Ludovico Vaccaro, intervenuto per un breve indirizzo di saluto. Hanno raggiunto la manifestazione di Accadia anche il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero de Raho e il procuratore capo di Cassino, Luciano D’Emmanuele.
Numerosi gli spunti forniti dal dibattito sul tema “agricoltura: possibilità e sviluppi alla luce del Pnnr” in cui è emerso il ruolo del Cnr, il Consiglio nazionale delle ricerche, sul piano della ricerca e delle nuove sperimentazioni soprattutto in Puglia come ha rilevato Sabato D’Auria, direttore del dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari. Fondamentale il ruolo delle facoltà di Agraria delle due regioni, Puglia e Campania, come emerso dal direttore del dipartimento dell’università Federico II, Danilo Ercolini.
Il prof. Francesco Salvatore, professore emerito dell’università Federico II di Napoli e originario di Accadia, ha concluso il dibattito rilevando le ragioni della borsa di studio conferita a quattro studenti meritevoli, originari del comune dei monti Dauni, che hanno conseguito il diploma di Maturità con il massimo dei voti. «La nostra speranza – ha detto il prof. Salvatore – è che questi talenti mettano a frutto la propria preparazione e non prendano il largo. Contrastiamo il fenomeno dell’emigrazione, puntando sulla qualità dei nostri ragazzi e sul diritto di ognuno allo studio e all’affermazione professionale».

Condividi sui Social!