Super ticket Puglia. Menga (M5S): da Emiliano solo strumentalizzazione elettorale

“Emiliano si vanta di aver “ridotto” il super ticket in Puglia da 10 euro a 0,50 centesimi?

Ridicola strumentazione da campagna elettorale, oltre che plagio mal riuscito, di quanto già stabilito ai commi 446-448 della Legge di Bilancio 2020 approvata dal Governo.”

Così la parlamentare foggiana M5S, Rosa Menga, commenta l’ultima mossa di Michele Emiliano e della Giunta da lui guidata.

“A differenza del goffo tentativo di captatio benevolentiae dell’ancora per poco Governatore della nostra Regione – dice Menga – il Governo elimina definitivamente e non soltanto “riduce” il super ticket e lo fa in maniera universale, ossia per tutti.

Mentre, infatti, la Giunta regionale ha deliberato la riduzione solo per assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23.000,00 euro, per i minorenni privi di esenzione e per gli over 65, la Legge di Bilancio 2020 abolisce la quota di partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale per tutti gli assistiti non esentati e questo a decorrere dal 1° settembre 2020.

Era solo questione di tempo, quindi, prima che il superticket venisse cancellato. Ma il tempo non gioca a favore del Governatore uscente che ha voluto giocare d’anticipo, appuntandosi al petto una medaglia che non gli appartiene.

Quello della sanità è un argomento al centro dell’interesse di tutti i cittadini, visto anche il particolare momento storico. Facile, quindi, leggere in chiave propagandistica anche un’altra mossa della Giunta regionale: l’approvazione di un finanziamento di 16 milioni di euro per “Interventi di riorganizzazione e potenziamento dei servizi territoriali socio-sanitari e sanitari territoriali a titolarità pubblica”.

Si sta parlando di un finanziamento previsto dal POR Puglia 2014-2020. Soldi che Emiliano ha avuto tutto il tempo di destinare alla Asl, ma che si decide solo ora, a 2020 iniziato ed in piena campagna elettorale, di spargere a macchia di leopardo come una sorta di generosa elargizione.”

Trovo deplorevole – conclude – il fatto che si faccia leva su un argomento tanto delicato, come quello della sanità, per gettare fumo negli occhi degli elettori. Lo dico da cittadina e da medico, prima ancora che da politico: scendere così in basso da mistificare i fatti e intestarsi vittorie di altri non è fare il bene della nostra terra, ma solo cercare disperatamente di ottenere un beneficio personale.”

Condividi sui Social!